Perdita di gravidanza ripetitiva

Perdita di gravidanza ripetitiva o “aborto abituale” nella letteratura medica, è una condizione in cui si verificano almeno due aborti spontanei conseguenti durante i primi 3 mesi di gravidanza.
Approssimativamente, 2% delle coppie ha questo problema. La diagnosi e il trattamento di questa condizione è uno dei temi più difficili per la medicina riproduttiva.
L'aborto spontaneo (aborto) è la complicanza più comune della gravidanza. In realtà, a volte le donne possono sperimentare aborti spontanei che accompagnano il sanguinamento mestruale senza nemmeno accorgersi di essere state incinte; “aborto mancato”. Pertanto, non tutte le fecondazioni si traducono in una gravidanza sana.
A volte c'è la fecondazione, tuttavia, il materiale fertilizzato non si impianta (si attacca) all'interno dell'utero e viene scaricato durante il sanguinamento mestruale. Questa condizione può essere notata solo dai test di gravidanza. La chiamiamo "gravidanza chimica".

Perdite di gravidanza ripetute - Cause degli aborti spontanei ricorrenti

  • 1. Malfunzionamenti strutturali dell'utero e dell'insufficienza della cervice
  • 2. Condizioni ormonali (endocrine)
  • 3. Infezioni
  • 4. Disturbi cromosomici
  • 5. Malattie autoimmuni
  • 6. Fattori ambientali e di altro tipo
1. Malfunzionamenti strutturali dell'utero e dell'insufficienza della cervice

L'insufficienza della cervice è una condizione in cui la cervice si cancella e si dilata senza alcun dolore, specialmente tra il 4° e il 6° mese di gravidanza, e con la lacerazione delle sacche di gravidanza il feto (bambino) viene eventualmente dimesso. Il suo trattamento è solitamente chirurgico. Alla fine del terzo mese, la cervice può essere cucita chiusa (cervicale) (operazioni McDonald e Shirodkar). I problemi strutturali dell'utero possono includere mioma uterino, aderenze intrauterine, setto uterino (divisione nella cavità uterina), utero didelfo (noto anche come doppio utero) e altri malfunzionamenti. Il tasso di frequenza di queste condizioni per quanto riguarda l'interruzione di gravidanza ripetitiva è 10-15%. Queste condizioni sono responsabili di rendere inadatta l'area in cui verrà collocato il feto modificando e riducendo la cavità uterina o influenzando negativamente il sistema venoso nell'area. Le operazioni correttive chirurgiche su queste condizioni riducono il tasso di aborti spontanei.

2. Condizioni ormonali (endocrine) per aborti ripetuti

Tre tipi di condizioni sono, comunemente, pensati come le cause dell'interruzione di gravidanza ripetitiva; questi sono:

  • – Diabete
  • – Malattie della tiroide
  • – Insufficienza del corpo luteale, che è un problema delle mestruazioni.

È noto che il diabete sotto controllo non aumenta il rischio di aborti spontanei. Cioè, se i livelli di glucosio nel sangue di una paziente diabetica incinta vengono tenuti sotto controllo con successo, il rischio di aborto spontaneo non aumenterà.

Non ci sono prove scientifiche sufficienti per quanto riguarda la relazione tra malattie della tiroide e perdita di gravidanze. Ecco perché si afferma che non è imperativo indagare sugli ormoni tiroidei nei casi di aborto ricorrente.

I problemi relativi alle mestruazioni sono generalmente osservati in relazione a problemi di "ovulazione" (produzione di uova). In particolare, si ritiene che le disfunzioni che portano all'insufficienza dell'ormone “progesterone”, necessario per la continuità della gravidanza, siano, probabilmente, cause di aborti ricorrenti.

Può essere utile condividere alcune informazioni riguardanti la “fisiologia comune” per comprendere meglio come i problemi legati alle mestruazioni possono causare aborti spontanei.

Quando l'uovo (ovocita) viene prodotto e rilasciato, la formazione rimasta nelle ovaie è chiamata "Corpus Luteum" o talvolta chiamata "corpo giallo" a causa del suo colore. Il suo compito è produrre l'ormone progesterone per mantenere la gravidanza dopo la fecondazione. Il progesterone, invece, impedisce il rigetto e lo scarico del materiale fertilizzato.

La durata della secrezione dell'ormone progesterone è circa la durata del corpo luteo, circa 14 giorni, nei casi in cui non c'è gravidanza, invece, quando c'è gravidanza può durare fino a 3 mesi e poi lascia il compito alla placenta.

Quando il corpo luteo degenera più velocemente di quanto dovrebbe e si dissolve prima di lasciare il suo dovere alla placenta nonostante la gravidanza, la condizione è chiamata "insufficienza del corpo luteo" e la gravidanza termina con un aborto spontaneo.

La diagnosi di insufficienza del corpo luteo può essere raggiunta mediante una biopsia del tessuto intrauterino (biopsia endometriale).

Il trattamento per l'insufficienza del corpo luteo consiste nel superare la mancanza di progesterone con ulteriori farmaci ormonali sostitutivi nelle fasi iniziali della condizione. Questo trattamento viene solitamente continuato durante i primi tre mesi di gravidanza.perdita ripetuta della gravidanza

3. Infezioni

Si pensa che le infezioni virali e batteriche causino aborti spontanei.

Listeria monocytogenes, tipi di toxoplasma, mycoplasma hominis e ureaplasma urealyticum sono i microrganismi più comuni di questo tipo. Tuttavia, sebbene sia noto che possono causare aborti spontanei singoli, non è del tutto dimostrato che portino a aborti ricorrenti.

4. Disturbi cromosomici

Disturbi cromosomici della madre/del padre sono stati riscontrati su 5% di coppie che soffrono di aborti ripetuti.

Questo tasso è interessantemente superiore alla media generale. I problemi genetici di cui i genitori sono portatori e che non portano ad alcuna malattia, possono manifestarsi durante la gravidanza e portare ad aborti spontanei.

Per anticipare la possibilità di aborti ripetuti, può essere utile l'esame genetico sulle coppie. I risultati costituiscono una base per la consulenza genetica.

Anche l'analisi cromosomica del materiale dell'aborto è utile per indagare sul fallimento di un trattamento.

5. Malattie autoimmuni

Negli anni '80, i ricercatori hanno affermato che le formazioni che si manifestano attraverso la stimolazione di un fattore chiamato anticorpo antifosfolipidi, che viene prodotto a causa di un malfunzionamento nell'organismo e che influenza l'organizzazione del sistema immunitario ma che non può essere definito chiaramente, potrebbe essere stato uno dei motivi per aborti ricorrenti. Sono stati osservati collegamenti positivi per quanto riguarda queste formazioni e la morte del feto.

L'efficace meccanismo di funzionamento di queste formazioni è che causano deformazioni venose che portano alla mancanza di sangue della placenta.

Affinché questi pazienti possano avere figli, gli steroidi trattamentot, può essere necessario un trattamento con aspirina a basso dosaggio o con una sostanza chiamata eparina, un anticoagulante (per prevenire la coagulazione).

6. Fattori ambientali e di altro tipo

La perdita della gravidanza aumenta con l'età avanzata. Il tasso di gravidanza diminuisce drasticamente nelle donne di età superiore ai 35 anni, rispetto a quelle più giovani. Il rischio di aborto spontaneo raggiunge quasi 50% per le donne di età superiore ai 40 anni. Le donne dovrebbero essere informate di tali rischi.

La ricerca condotta nei paesi scandinavi ha dimostrato che il lavoro non aumenta il rischio di aborti spontanei per le donne. Tuttavia, al lavoro, dovrebbero assicurarsi di non essere esposti a sostanze chimiche che potrebbero mettere a rischio la loro gravidanza.

Il fumo e il consumo di alcol aumentano il rischio di aborto spontaneo. Non ci sono dati decisivi sugli effetti del fumo passivo.

Poiché è difficile studiarli, non è certo se i fattori psicologici causino aborti ricorrenti o meno.

Osservazioni su pazienti con aborti ripetuti

Il rischio di aborto spontaneo aumenta con l'aumentare del numero di aborti spontanei. Dopo 4 aborti consecutivi, il rischio di perdita ripetuta aumenta fino a 50%.

Quando si prendono cura di pazienti che soffrono di aborti ricorrenti, l'approccio più importante è essere informati e fornire supporto.

I pazienti devono essere informati del fatto che, anche se non viene diagnosticata una ragione, il rischio di perdita aumenta con l'età e che possono essere esposti al rischio di complicanze come travaglio prematuro e gravidanza ectopica.

È anche utile affermare che è difficile danneggiare una gravidanza sana e che attività come i rapporti sessuali e l'esercizio fisico che possono aumentare i crampi uterini non danneggeranno la gravidanza.

In genere, le procedure di laboratorio dovrebbero essere avviate dopo il terzo aborto spontaneo per le donne di età inferiore ai 35 anni e il secondo per le donne anziane. Ciò ridurrà in una certa misura il lavoro di laboratorio e le spese mediche.

Tuttavia, alcune coppie preferirebbero aspettare a lungo mentre altre potrebbero voler iniziare la procedura subito dopo il primo aborto spontaneo.

Le coppie che hanno avuto aborti spontanei hanno bisogno di un ampio supporto da parte di uno specialista per i primi tre mesi dopo che è stata effettuata la loro valutazione completa e dopo che sono riuscite a rimanere incinta.

Una condizione recentemente discussa chiamata "trombofilia" riduce il flusso sanguigno alla placenta a causa della coagulazione del sangue (coagulazione) e quindi il bambino all'interno dell'utero viene perso. Quando si nota questa condizione, vengono suggeriti farmaci per prevenire la coagulazione del sangue e una "dieta a basso contenuto di metionina".

Le famiglie che sperimentano aborti ripetuti dovrebbero sapere che questo non è il loro destino. Con fede e pazienza, le precauzioni necessarie dovrebbero essere prese in collaborazione con lo specialista. Non va dimenticato che, dopo il trattamento delle cause, le percentuali di successo possono essere molto alte (90%).

Inoltre, il rischio di aborto spontaneo diminuisce a 3-5% con il rilevamento ecografico del battito cardiaco all'ottava settimana di gravidanza.